ZEITSCHRIFT l'industriale präsentiert, vierzehntägig, das angebot von neuen und gebrauchten werkzeugmaschinen in ausgewählten fachhändlern; und auch interviews, news, wirtschaft, handel, neue branchen ...

MEHR INFOS»
MASCH. ZUM VERKAUF

Unter den Anzeigen nach gebrauchten und neuen Werkzeugmaschinen aus Versteigerungen, Konkursmassen und Liquidationen suchen.

SUCHANZEIGE EINGEBEN

Suchanzeige von Werkzeugmaschinen.

VERKAUFEN WERKZEUGMASCHINEN

Registrieren Sie sich und geben Sie Ihre gebrauchte und neue Werkzeugmaschinen zum Verkauf.

ZEITSCHRIFT
l'industriale präsentiert, vierzehntägig, das angebot von neuen und gebrauchten werkzeugmaschinen in ausgewählten fachhändlern; und auch interviews, news, wirtschaft, handel, neue branchen ...
Letzte Ausgabe
durchblättern
ABONNEMENT
L'INDUSTRIALE
MEHR INFOS»
SUCHE
HÄNDLER
händler
land
kreis
MESSEN
Die wichtigsten ITALIENISCHEN UND AUSLÄNDISCHEN MESSEN auf dem Gebiet der Metallbearbeitung
MESSEVERZEICHNIS
Investimenti 4.0 a doppia cifra per la Meccanica italiana: +10,1% nel 2017 e +5,4% prevedibili nel 2018
Rispondono molto bene produzione (+3,8%) ed export (+2,9%) nel 2017. Trend confermato nel 2018
L'industria meccanica ha reagito molto bene alla crisi. Complice infatti il Piano Impresa 4.0, la manifattura italiana, rappresentata da Anima Confindustria, segna un +3,8% nel 2017 come produzione, pari a 46,7 miliardi di euro. Di questi, 27 miliardi di euro sono rappresentati dalle esportazioni, in crescita del +2,9% rispetto all'anno precedente. I dati di preconsuntivo 2017 e di previsioni 2018 elaborati dall'Ufficio Studi Anima lasciano ben sperare sulla continuità. Viene confermato il trend positivo per l'anno in corso: la produzione è prevista in aumento (+2,3%), così come l'export (+2,7%). La voce degli investimenti si presenta a doppia cifra: +10,1% nel 2017 rispetto al 2016 e si prevede avanzi di almeno un +5,4% nel 2018.


(Elaborazione Ufficio studi Anima – gennaio 2018)

«Le imprese stanno investendo bene nella  digitalizzazione, ossia nella robotica, sensoristica applicata ed interconnessione sistemica. Ma il vero salto alla Smart Industry avverrà quando capiremo che il Piano Impresa 4.0 tocca tecnologie e produzione, ma soprattutto dona flessibilità, lavorando anche molto sulla formazione.- afferma Alberto Caprari, presidente Anima Confindustria meccanica Varia -Dopo aver evoluto hardware e software, ora bisogna impegnarsi con gli uomini e le donne che rendono grandi e competitive le nostre imprese. La formazione 4.0 è la necessità primaria per i prossimi cinque anni. È anche  una  grande opportunità per inserire nel mondo del lavoro i "giovani 4.0", linfa vitale per l'industria manifatturiera in termine di innovazione e familiarità con le nuove tecnologie e logiche. Quello di cui abbiamo certamente bisogno, senza tentennamenti, è una stabilità nella politica industriale. Auspico pertanto che anche il prossimo governo scommetta sulla crescita delle imprese italiane, unica via per trainare tutto il Paese. È basilare continuare ad infondere fiducia all'imprenditoria  tutta, affinché si possa continuare con gli investimenti mirati e presentarsi più forti nei mercati internazionali».
La meccanica italiana è il settore protagonista del Piano Impresa 4.0. L'Ufficio Studi Anima ha analizzato i settori che hanno investito in misura maggiore nel corso del 2017 e del 2018 in forza delle agevolazioni quali l'iperammortamento e il superammortamento:

(Elaborazione Ufficio studi Anima – gennaio 2018)

Caldareria (+7,1%), valvole e rubinetteria (+5,6%) così come le tecnologie alimentari (+4,4%) si prevede che nel 2018 continuino a investire a doppia cifra, così come già dimostrato nel 2017, incrementando l'innovazione tecnologica all'interno delle aziende. Infine, l'indice di produzione della meccanica varia conferma la crescita costante del settore dal 2013 in avanti. L'anno in corso si prospetta molto positivo.


Indice della produzione dell'industria meccanica varia (Elaborazione Ufficio studi Anima – gennaio 2018)

ANIMA Confindustria Meccanica Varia ed Affine è l'organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 213.000 addetti per un fatturato di 46,7 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 57,9% (dati riferiti al preconsuntivo 2017). I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energia e per l'industria chimica e petrolifera - montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per acqua e prodotti alimentari; tecnologie e prodotti per l'industria; impianti, macchine prodotti per l'edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell'uomo e dell'ambiente; costruzioni metalliche in genere.